Droni DJI per la RAI

La RAI ha ricevuto dall’ENAC la patente di “operatore di volo” e ha comprato una flotta di 4 droni distribuiti tra la Sicilia, l’Abbruzzo, il Veneto e la Valle d’Aosta da utilizzare per tutti i propri servizi televisivi.

Per ciascuna sede regionale saranno 4 i dipendenti a prendere la licenza  specifica per “operazioni non critiche”, ovvero per poter  utilizzare i droni ma senza perdere mai di vista il mezzo e senza mai fargli sorvolare gruppi di persone o infrastrutture strategiche (come autostrade o stazioni). Questa novità consentirà alla TV di stato di portare in house le competenze e i mezzi stessi senza dover ingaggiare appalti esterni certamente più costosi.

In particolare in Veneto, Abruzzo e Sicilia, la Rai ha puntato sul super venduto Dji Panthom 3 Professional, il drone cinese più venduto al mondo.

In Valle d’Aosta, dove il drone è sottoposto a viaggi più lunghi, viene usato un Inspire, una macchina più performante di quasi tre chili di peso, sempre prodotta dai cinesi della Dji.

Vista l’esigenza di dirette stabili e di elevata qualità tutti i droni monteranno telecamere Ultra Hd (con tecnologia 4k).

Condividi

Potrebbe interessarti anche: