Blog sui Droni

droni sherpa per soccorso alpino

Soccorso alpino: arrivano i droni SHERPA!

Soprattutto nella stagione invernale, ma non solo, le montagne sono prese d’assalto da sciatori e alpinisti e gli incidenti, così come gli smarrimenti, sono molto diffusi.

Il problema è che in contesti del genere, specie a seconda della stagione, i salvataggi risultano molto complicati a causa del maltempo, dei venti in quota che ostacolano il lavoro degli elicotteri, della neve e del terreno sconnesso che mettono a repentaglio le stesse vite delle squadre di ricerca e soccorso sul campo.

Ed è qui che entrano in campo i droni, strumenti in grado di raggiungere in volo luoghi angusti e difficilmente raggiungibili a piedi, integrati in un innovativo sistema di ricerca e soccorso, coordinato dall’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, chiamato “SHERPA“, sigla che sta per “Smart collaboration between Humans and ground-aErial Robots for imProving rescuing activities in Alpine environments”. Droni, robotica ed esseri umani uniscono insomma le forze per migliorare l’efficacia e l’efficienza dell’intervento di ricerca e soccorso.

Dal punto di vista pratico, ad esempio in caso di valanghe, lo scopo è quello di raggiungere rapidamente la zona della slavina e localizzare i dispersi sotto la neve, operazione che con i sistemi tradizionale richiede molto tempo, mentre i droni SHERPA sono in grado di raggiungere e monitorare una determinata area in qualche minuto, utilizzando i loro avanzati sensori per captare i segnali radio ARVA (gli impulsi inviati dai segnalatori indossati dai dispersi) e individuare la presenza di persone sepolte da uno strato di neve profondo fino a 3 metri.

È il caso di parlare di una vera e propria manna dal cielo, in una situazione in cui il tempo fa la differenza tra la vita e la morte delle vittime.

Ecco un video sul nuovo sistema di salvataggio SHERPA coi droni:

video drone riprende le orche

Il drone e le orche (video)

Come si fa a restare indifferenti di fronte alla maestosità della natura? Siamo generalmente troppo distratti per accorgerci delle tante piccole cose che ci sono davanti agli occhi ogni giorno, e per tanti altri incredibili spettacoli avvengono in posti così difficili da raggiungere, vuoi perché molto lontani, vuoi perché è complicato arrivarci, che nemmeno arrivano fino a noi.

Per fortuna adesso ci sono i droni, perfetti compagni di avventura di fotografi ed esploratori della natura, che grazie a questi velivoli possono immortalare più facilmente le meraviglie del nostro pianeta, e farle arrivare anche a noi.

In questo video ripreso dal drone vediamo delle orche nel loro ambiente naturale, mentre si dedicano alla caccia.

drone della apple

Ecco il Drone della Apple! (Ma per ora è solo un sogno)

Diciamolo subito chiaro e tondo: anche noi per un istante abbiamo creduto che fosse tutto vero, ma purtroppo non è (ancora?) così.

Il drone firmato Apple che vedete nelle numerose foto che in questi giorni circolano in rete, con tanto di descrizione delle funzioni e delle specifiche tecniche, è solo frutto della fantasia del designer tedesco Eric Huismann.

Amante della tecnologia ed evidentemente anche dei prodotti col marchio della mela morsicata, Huismann si è divertito a creare il concept di un drone made in Cupertino.

Bianco nel colore ed elegante nella forma come del resto tutti i prodotti Apple, il drone creato ad arte è diventato subito virale, al punto che molti fan, anche dopo aver capito che si trattasse solo di un’invenzione, si sono lecitamente domandati se per caso Apple non abbia in cantiere il progetto di entrare nel mondo dei droni. Il che in effetti non stupirebbe affatto, visto che l’azienda americana, nel corso degli anni, ha fatto dell’innovatività il segreto del suo successo, senza considerare che il giovane ed estremamente redditizio (almeno in teoria) mercato dei droni sembrerebbe rappresentare il settore ideale in cui mettere a frutto le tante competenze tecnologiche della Apple.

Anche per questo le mirabolanti specifiche tecniche che Huismann  ha accompagnato al drone, ossia ben 4 telecamere 4K posizionate alla base dei 4 rotori in grado di combinare le diverse inquadrature per ricostruire panorami mozzafiato ad altissima definizione, sembravano confermare che si trattasse di un prodotto effettivamente sviluppato dall’avanzatissima Apple.

Gallery Drone Apple

germania incidende drone autostrada

Autista tedesco si scontra con un drone in autostrada

Si sa che mentre si è alla guida di un’auto non bisogna mai distrarsi, perché il pericolo è sempre dietro l’angolo: l’autista della vettura davanti che può frenare all’improvviso, qualcuno da dietro che tenta un sorpasso azzardato, un pedone che si getta di colpo in mezzo alla strada per attraversare, etc…

Certe volte però i pericoli sono davvero imprevisti, questo è quello che avrà pensato la donna che, al volante della sua macchina, si è trovata davanti un drone sbucato fuori dal nulla, centrandolo con la parte frontale dell’auto. Fortunatamente la donna non è rimasta ferita, ma l’incidente tra drone ed auto, avvenuta lungo un’autostrada in Bavaria, ha causato un forte rallentamento del traffico.

È stato il pilota del drone a rivolgersi alla polizia in seguito ad un appello della stampa locale, spiegando che l’incidente è stato causato dopo che a causa di un problema tecnico il drone, dal peso di 1,2 kg, aveva smesso di rispondere ai comandi e si era allontanato in autonomia (quello che tecnicamente si chiama “fly away”), un fenomeno a dir la verità non rarissimo, sui droni più economici, che non hanno una portata di comando buona né il GPS per attivare la modalità RTH, ossia Return To Home, che permette loro di tornare al punto di decollo proprio in casi come la perdita del segnale di trasmissione.

Come riporta il sito Thelocal.de, l’uomo è sotto indagine  per interferenza pericolosa con il traffico stradale, una situazione piuttosto grave che aiuta a capire come l’assicurazione sui droni resti una scelta estremamente sensata, anche nei casi in cui non è ancora prevista dalla normativa vigente. Come e forse anche di più di quando si è alla guida di un’auto, infatti, anche coi droni e nonostante le proprie capacità da pilota non si sa mai cosa può succedere.

Video: Castello della Pietra

A inviarci questo splendido video è Ugo De Cresi, appassionato dronista e lettore di dronia.it. Tra atmosfere fantasy degne dei film su “Il Signore degli Anelli”, il drone sorvola il Castello della Pietra, una incredibile costruzione inserita nella roccia delle montagne, che si trova nel comune di Vobbia in provincia di Genova, all’interno del Parco Regionale Naturale dell’Antola.

Per tutti quelli che vorrebbero visitarlo ma non l’hanno ancora fatto, meno male che c’è il drone di Ugo!